L’ECONOMIA : ILLUSIONI , SPERANZE E GLI UTILI IDIOTI

Exult49's Blog

Basta un piccolo venticello, una brezza per fare ricadere “il sentiment” sulle prospettive dell’economia italiana a livelli di Novembre 2013.                       Tutti i maggiori centri di previsione  e le immancabili  tre sorelle del rating ci vedevano in stabilità ,  con qualche speranza di agganciare quella ripresa che nel nord Europa é già realtà.    A parte le discrasie, le incongruenze , tra settori, sub settori, tra industria, agricoltura e servizi ,  a mio modesto avviso ciò che non vogliamo comprendere é che la crisi del Paese é crisi di sistema!

Non vogliamo comprendere  ad es. che l’industria delle costruzioni in Italia é definitivamente tramontata per quanto attiene il settore residenziale.           Ci vuole tano poco  per capire … La demografia  , la cementificazione  , i valori di riferimento sono tutti indicatori di una fine annunciata.  …

View original post 1.868 altre parole

Annunci

COMPOSIZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E PROSSIMO FUTURO

Exult49's Blog

Stanco di ascoltare corbellerie assolute, per non dire di peggio, da profondo europeista quale sono,  cercherò di fare chiarezza su alcuni punti essenziali circa il peso reale dell’Italia quale membro della Unione Europea e quindi del Parlamento Europeo  . Cominciamo dalla legge elettorale che istituisce la legge elettorale europea che data 24 Gennaio 1979 . La più vecchia legge elettorale presente nell’ordinamento italiano. Questa legge divide l’Italia in 5 circoscrizioni che a loro volta formano un Collegio unico nazionale.

Italia Nord Occidentale  che elegge 19 membri – Nord Orientale  13 .    Centrale  14 – Meridionale 18 – Insulare 8 . I deputati che l’Italia potrà eleggere al Parlamento europeo nella legislatura 2014/19  sono in numero di 73!   Nella legislatura 2004/2009 erano 78 ed infine nella precedente erano 72.   In base al censimento nazionale della popolazione viene attribuito un numero di voti corrispondente . Nel 2009 fu apportata…

View original post 1.445 altre parole

Apple fixes SSL security bug, adds FaceTime audio calls in OS X Mavericks 10.9.2

Gigaom

Apple(s aapl) released OS X Mavericks 10.9.2 on Tuesday with a number of additions and fixes, most notably the closure of an SSL security hole found last week. Mac users can find the software update in the OS X App Store.

The release notes for the software don’t specifically mention this fix, but tests show the vulnerability no longer exists. Before the update, a malicious website could represent itself as a trusted site and intercept encrypted data on what looks like a secure connection. The SSL issue was also present in iOS 7 but Apple addressed that vulnerability in a software update last week.

The full Apple change log is here but some of the notable highlights include the addition of FaceTime audio call support, call waiting in FaceTime and the ability to block individuals in iMessage.

After some readers of 9to5Mac reported that the SSL hole was patched by…

View original post 71 altre parole

Medium needs to figure out what it wants to be when it grows up

Gigaom

What is Medium? Or, more importantly, what does it want to be? A growing number of media observers have tried to attack that question, the latest being Alexis Madrigal at The Atlantic, who was ultimately unable to arrive at a satisfactory answer. It is, he said, “a place to read articles on the internet.” Is that enough, considering that description could be used for everything from Reddit to the New York Times? Only founder Evan Williams knows the answer to that — and it’s possible that even he isn’t sure.

But if Medium is to be successful, rather than just being a plaything for the former Twitter CEO, it is going to have to decide what it wants to be and how it plans to get there.

As Madrigal notes in his piece, entitled simply “What is Medium?,” the inherent contradictions — or at least the potential…

View original post 862 altre parole

Tempo Quotidiano

Datamediahub

Ulteriori elaborazioni ed approfondimenti su la relazione tra lettori e quotidiani online, sulla profondità di lettura ed il coinvolgimento delle persone.

Per farlo, in collaborazione con gli amici di Dataninja, partendo dalla mia elaborazione dei dati Audiweb dell’ottobre 2013, abbiamo messo in relazione il numero di pagine viste per il numero di utenti unici. Abbiamo anche voluto analizzare il rapporto tra media pagine viste per sito e tempo di permanenza.

La domanda di fondo che ci si pone è: i lettori sono “mordi e fuggi”, arrivano sui siti più o meno casualmente e leggono una o due notizie, oppure effettuano una navigazione e leggono più contenuti?

Il primo grafico, realizzato dividendo il numero di pagine viste per il numero di utenti unici, mostra mediamente quante pagine visitano gli utenti, i visitatori di ciascun sito per ogni testata [In azzurro gli “All digital”, in arancione i “main stream” ibridi/crossmediali].

Corriere.it risulta al top…

View original post 247 altre parole

I Perimetri dell’Informazione Italiana

Datamediahub

Sono stati pubblicati ieri i dati Audiweb per il mese di ottobre 2013. Ho fatto alcune elaborazioni per quanto riguarda i quotidiani online.

Le principali testate, quelle che hanno un numero di utenti unici superiore a 100mila persone nel giorno medio sono 12, tutte le altre raggiungono un pubblico inferiore.

La tavola di sintesi sottostante mostra il dettaglio di ciascuna testata [si faccia attenzione alle note a fondo dell’articolo nella lettura dei dati]. Nel complesso queste testate raggiungono quotidianamente  poco meno di cinque milioni e mezzo di persone. Un numero che al netto delle duplicazioni, di coloro che leggono più di un giornale online è certamente inferiore anche se è difficile dire di quanto in assenza di dati.

Quotidiani Ottobre 2013

Le testate all digital, quelle che non hanno una corrispondente versione cartacea, rilevate da Audiweb sono 12, la loro audience complessiva, nel giorno medio, è di circa un milione e 700mila utenti…

View original post 321 altre parole

Google Lancia Media Tools

It’s a new media world!

Datamediahub

In occasione del convegno della Online News Association, in corso in questi giorni negli Stati Uniti, Google ha rilasciato ieri un nuovo sito orientato verso media e giornalisti.

Il nuovo sito offre un set completo di Media Tools , tutti ben assemblati in un unico luogo. Secondo Google, il sito è un “punto di partenza per attingere ad una suite di strumenti digitali che possono migliorare la raccolta di notizie e l’esposizione per  televisione, radio, stampa e online”.

L’hub si compone di 6 sezioni principali: raccogliere e organizzare, ingaggiare [coinvolgere], visualizzare, pubblicare, sviluppo e risorse aggiuntive. In totale sono raccolti 27 strumenti, risorse e vengono offerti in alcuni casi anche dei tutorial per aiutare i giornalisti ad apprenderne l’utilizzo.

Scriveva Sun Tzu in “L’arte della guerra”, manuale di strategia militare divenuto lettura fondamentale per il management, che “chi in cento battaglie riporta cento vittorie, non è il più abile in assoluto; al contrario, chi non…

View original post 41 altre parole

[Go Digital] La lezione di Burberry. E della sua CEO, che ora va in Apple.

Il futuro è digital, ma non per tutti.

Marco Massarotto

In questo video di poco più di 5 minuti Angela Ahrendts, la 53enne CEO Americana (classe 1960) del super British brand Burberry, ci illustra la visione e la strategia digitale di Burberry. La Ahrendts è molto preparata sui temi della comunicazione e del digital, verso i quali dimostra grande confidenza e comprensione.

View original post 821 altre parole

Gli Imperi di Internet

La ricerca di informazioni resta una delle attività più praticate nella rete.

Datamediahub

Mark Graham e Stefano De Sabbata, basandosi su dati di Alexa al 12 agosto 2013, hanno mappato per “Information Geographies” i siti più visitati al Mondo per ciascuna nazione, dimensionando ciascun Paese in base alla penetrazione di Internet.

Complessivamente è Google ad avere il predominio assoluto in termini di numero di nazioni in cui è il sito più visitato e pesa il 50% del totale della popolazione mondiale attiva su Internet.

Seguono, il motore di ricerca cinese Baidu, Yahoo in Giappone e Yandex, altro motore di ricerca, in Russia. La ricerca di informazioni è dunque l’attività prevalente, più effettuata in Rete praticamente in tutto il pianeta.

Ai motori di ricerca si aggiunge Facebook che è il sito più visitato in 28 nazioni. E’ interessante notare come la predominanza del social network più popoloso al Mondo si concentri nelle nazioni di lingua castellana [lo spagnolo si parla anche nelle Filippine]…

View original post 15 altre parole